1929. Er pensiero e ll’azzione

1929

Sull’ammore stéva a rimugginà er leone;

Si fusse piuttosto n’probblema, che na soluzione

Si fusse er monno vittima, de la boia seduzione

Quanno innanzi je se parò na leonessa

Ancheggiante come na contessa

Er leone drizzò subbito la criniera

E disse: “Vabbè, ce ripenserò stasera”

*     *     *

Annunci

1899. Er popolo cojone, ovvero “Pollo alla catalana”

1899

Se ‘ncontrarono na vorta na faina e na vorpe, mentre ch’annavano tutt’e due a rubà l’ova a le galline. Disse la faina “Bongiorno cara vorpe, certo che nun famo na bella vita, meschine noi, sempre a faticà pe magnà, sempre cor patema d’esse beccate…”. La vorpe ce pensò n’attimo e je rispose: “E c’hai ragione sora faina! E nun me pare mica tanto giusto che noi, che semo tanto scaltre, de facce buggerà da sti polli ‘mbecilli e boccaloni. Sai che te dico? M’è venuta na bella idea pe rimette a posto st’ingiustizia!”. E così la vorpe spifferò er da fasse a la faina, che l’approvò stantemente. S’avviò la faina impettita verso er pollaio cò m’pezzo de ramo spesso ne le fauci; e così fece uguale la vorpe dall’antro lato. Quanno che li polli le videro arrivà, tutti s’allarmarono, ma la faina disse: “Nun ve preoccupate, so venuta in pace. Nun so venuta a mandrucà, nun lo vedete che c’ho la bocca piena e che nun posso usà li denti? Giustappunto quello che c’ho tra le ganasse se chiama Verità, e so venuta a favvela vede pe pura cortesia. Guardate” e je fece vede er ramo de fronte ” la Verità è rotonna!”. La vorpe fece l’istesso co le galline sue, sarvo de fa vede er ramo de traverso, e de dì che la Verità invece era quadrata. De sta grande novità, cominciorno a spargese le voci ner pollaio. E ‘gnuno, nell’ascortà li testimoni della rivelazione, se fece na convinzione sua se la Verità fusse tonna o quadrata: “C’ha ragione la faina, che è tanto bona, e che c’ha fatto vede che la Verità è rotonna” – “Ma che state a dì, è la vorpe che è ner giusto, e noi ch’amo visto che la Verità è quadrata stamo co lei” – “Bujardi, l’amo visto co st’occhi nostri che la Verità è tonna!” – “Ah ‘nfami maledetti, ce possino cecacce se dimo er farso, la Verità è quadrata!”. E così, tutte convinte d’avecce raggione, le galline, fecero gazzarra e poi baruffa; tanto ch’arivarono a usà li becchi. Fintantocchè nun ce scapparono li morti. La vorpe e la faina subito s’appresciarono a consacrà li martiri de la libbertà, ammazzati dall’oppressore farso e ‘nfame. E co la panza piena de ciccia, fecero giurà eterna inimicizia e vendetta a le du fazioni. Le galline continuorno così da quer giorno a scannasse tra de loro, senza più parlasse, senza più mettese daccordo, sempre fomentate da le du furbacchione; ch’ora se strafogaveno comode, coll’ova che li polli je portavano pe ringrazialle, e co le spoje dell’eroici caduti