1929. Er pensiero e ll’azzione

1929

Sull’ammore stéva a rimugginà er leone;

Si fusse piuttosto n’probblema, che na soluzione

Si fusse er monno vittima, de la boia seduzione

Quanno innanzi je se parò na leonessa

Ancheggiante come na contessa

Er leone drizzò subbito la criniera

E disse: “Vabbè, ce ripenserò stasera”

*     *     *

Annunci

1899. Er popolo cojone, ovvero “Pollo alla catalana”

1899

Se ‘ncontrarono na vorta na faina e na vorpe, mentre ch’annavano tutt’e due a rubà l’ova a le galline. Disse la faina “Bongiorno cara vorpe, certo che nun famo na bella vita, meschine noi, sempre a faticà pe magnà, sempre cor patema d’esse beccate…”. La vorpe ce pensò n’attimo e je rispose: “E c’hai ragione sora faina! E nun me pare mica tanto giusto che noi, che semo tanto scaltre, de facce buggerà da sti polli ‘mbecilli e boccaloni. Sai che te dico? M’è venuta na bella idea pe rimette a posto st’ingiustizia!”. E così la vorpe spifferò er da fasse a la faina, che l’approvò stantemente. S’avviò la faina impettita verso er pollaio cò m’pezzo de ramo spesso ne le fauci; e così fece uguale la vorpe dall’antro lato. Quanno che li polli le videro arrivà, tutti s’allarmarono, ma la faina disse: “Nun ve preoccupate, so venuta in pace. Nun so venuta a mandrucà, nun lo vedete che c’ho la bocca piena e che nun posso usà li denti? Giustappunto quello che c’ho tra le ganasse se chiama Verità, e so venuta a favvela vede pe pura cortesia. Guardate” e je fece vede er ramo de fronte ” la Verità è rotonna!”. La vorpe fece l’istesso co le galline sue, sarvo de fa vede er ramo de traverso, e de dì che la Verità invece era quadrata. De sta grande novità, cominciorno a spargese le voci ner pollaio. E ‘gnuno, nell’ascortà li testimoni della rivelazione, se fece na convinzione sua se la Verità fusse tonna o quadrata: “C’ha ragione la faina, che è tanto bona, e che c’ha fatto vede che la Verità è rotonna” – “Ma che state a dì, è la vorpe che è ner giusto, e noi ch’amo visto che la Verità è quadrata stamo co lei” – “Bujardi, l’amo visto co st’occhi nostri che la Verità è tonna!” – “Ah ‘nfami maledetti, ce possino cecacce se dimo er farso, la Verità è quadrata!”. E così, tutte convinte d’avecce raggione, le galline, fecero gazzarra e poi baruffa; tanto ch’arivarono a usà li becchi. Fintantocchè nun ce scapparono li morti. La vorpe e la faina subito s’appresciarono a consacrà li martiri de la libbertà, ammazzati dall’oppressore farso e ‘nfame. E co la panza piena de ciccia, fecero giurà eterna inimicizia e vendetta a le du fazioni. Le galline continuorno così da quer giorno a scannasse tra de loro, senza più parlasse, senza più mettese daccordo, sempre fomentate da le du furbacchione; ch’ora se strafogaveno comode, coll’ova che li polli je portavano pe ringrazialle, e co le spoje dell’eroici caduti

0962. Noblesse Oblige

image

Sì a difenne la principessa c’è rimasto solo lo scemo der villaggio
Mejo sarija pe’llei che s’appennesse a n’faggio
Ma si nun lo trova c’abbia un ramo tosto, ch’armeno lemme lemme se mettesse n’viaggio
Che scappa, cori e fuggi, prima o poi, l’ha da trovà uno più saggio
E puro si nun è principe, n’fa gnente; ma armeno che sia paggio

0875. Er filosofo e l’ombrico

image

S’arivorse un dì er filosofo a un lombrico:
Piuttosto che parlà co’ttè, me ne sto senza amico!
Che bestia inutile che sei, quanto fai schifo,
Stamme lontano che m’attacchi er tifo.
Tutta la vita passi gnudo a magnà terra
Senza conosce er monno e la sua guerra
Sempr’allo scuro stai nell’ignoranza
C’hai n’unico pensiero: de riempì la panza!

Je rispose er lombrico carmo e soridente:
Puro si tu pensi, ed io nun c’ho la mente,
Puro si tu c’hai la gloria ed io nun faccio storia
Pe quanto a te te possa sembrà strano,
Più de quanto credi noi se somijamo
Sempre a capo chino stai nello studiolo
Che chi te vede mai? Stai sempre solo
Cor moccolotto acceso rumini parole
Quanno lo guardi mai n’faccia er sole?
Magno terra è vero ma te de mejo che fai?
Uguale a magnà libri tutto er tempo stai
A partorì sentenze altisonanti
Che lascino stupiti posteri ed astanti
Sei inutile come me, nun ce giramo n’torno
Quello che manni giù pe tutto er giorno
Poi lo ricachi tale e quale tutt’attorno
L’unico modo pe capì che sei de n’antra schiatta
È de vedette n’cattedra c’ar collo na cravatta
Dimosela tutta, tu la gente la cojoni
Basta ammucchià m’po de paroloni
Ma poi in definitiva che d’è sta verità?
St’etica, sta libertà, sta perfezione de felicità?
Si pe millenni niuno l’ha trovata
Me sa ch’è solo er modo d’arivòrta la frittata
Sicché m’hai pure criticato, perché me ne sto m’pace sotterato
La guera armeno io nun la fomento co quarche grande e splendido argomento
Nun me’nvento facili ideali pe fa scannà l’ommini fra loro come maiali
Ne vado predicanno ideologie solo pe riempì le saccoccie mie
Te vorrei di n’urtima cosa, prima che m’affonno
Che na criatura p’esse degna de sta ar monno
Nun c’ha bisogno de sapè s’è quadro o tonno
Primariamente ha da’mparà stima e rispetto
Invece d’annà in giro, a pijà l’artri de petto

questo componimento è un omaggio a mio padre, grande amante di Trilussa, di cui conosceva molte poesie a memoria. Ha sempre sostenuto che lombrico si scrivesse “elle apostrofo ombrico”, ma so che era solo un modo per strappare un sorriso, come era solito fare continuamente con tutti. Nell’argomento mi sono ispirato a quello che era un classico del suo repertorio cabarettistico, che non dimenticherò mai; quando sentiva un “esperto” proferire baggianate in tv, soleva alzare braccia e sguardo al cielo e dire “Grazie papà che non mi hai fatto studiare, sennò diventavo come lui!”. Aveva solo la licenza media, ma ne sapeva un pozzo, arguto e sagace come nessuno, è stato il mio primo Grande e Vero Maestro di Vita… con rimpianto