1970. Anacoretiche

In un vano vano mi rintano invano

Fuggir da vanità è esercizio vano

Sarei men vanesio, bocconi s’un divano

* * *

La pietra cruda assaggio ma non ne traggo aggio

Il duro eremitaggio non da nessun vantaggio

Io sono qui da maggio e ancora non son saggio

Appena spunta un raggio ritornerò dal viaggio

Al mio umano oltraggio risponde un omaggio

È un divin messaggio: “Bisogno hai di un massaggio!”

Chiediloamanu inspired&devoted
Annunci