1896. Nichilismo tecnologico

A volte scorgo nella socialità virtuale una sorta di protesi, adottata per compensare una qualche menomazione da parte di molti degli individui vi partecipano; e guardando ancora più a fondo rabbrividisco nel constatare che quelle menomazioni sono, nella maggior parte dei casi, autoinflitte

Annunci

Pietas al capezzale dell’umano

1894

Sinistra – Recalcati: «Il nostro è un tempo senza memoria, Pasolini lo aveva capito» 

Destra – La stracciona del ’68 e l’abolizione della scuola

Testa – Gli smartphone hanno distrutto una generazione?

Stomaco – Come nelle favole

Cuore – “Non c’è progresso senza memoria” (Parafrasi di anonimo)

*     *     *

Ps: ammesso qualcuno mai si chiedesse quale sia il nesso tra titolo ed immagine, rifletta sul significato di pietas e sulla follia suicida dell’individualismo radicale

*     *     *

Altri spunti, di sponda…

Il nuovo mondo di Salvatore Brizzi

1890. Senza morale(con morale)

1890

Supponiamo che nella vostra città o paese, edifici pericolanti, buche profonde, impianti elettrici malfunzionanti, insomma qualunque luogo in cui sia insito un pericolo, smettano di essere segnalati e recintati perchè niente deve limitare il vostro sacrosanto diritto all’autodeterminazione di individui. Cominceranno ad esserci incidenti, molti letali, la vostra comunità comincerà a spopolarsi e diverrà ben presto inefficiente. Ovviamente vi indignereste e protestereste a chiare note. Eppure non vi indignate, ne protestate, per l’amoralità che permea il vostro vivere, a cui vi adeguate, e che chiamate indebitamente “libertà”