1798. La disimportanza

1798

Son vapore che viaggia di vento

Danza d’effimera mutevolezza

Sono gioco di bimbo, indovino

D’identità in cangianti forme

Son solo il tempo d’un ombra

Che dissolve al raggio del sole

*     *     *

Annunci

16 risposte a “1798. La disimportanza

  1. Io vedo un abbraccio tra la nuvola rosa a quella grigia.
    Proprio ieri leggevo un post sulle nuvole, diceva più o meno così:

    “Le nuvole cambiano, se ne vanno.
    Solo le stelle restano sempre uguali.
    Dobbiamo imparare ad amare l’altro come una stella, non come una nuvola.”

    Anzi,diceva proprio così.

    • molto bello, aggiungerei “senza però mai dimenticarsi di essere nuvole” ☺️
      sto post ha preso una piega inaspettata, in verità volevo velatamente alludere alla vanità delle convinzioni su ciò che siamo per noi e per gli altri. E di come a dar troppo credito a queste convinzioni si finisce per divenirne succubi e rovinarsi la salute invece di godersi il viaggio in pace prima finisca. Ci prendiamo veramente troppo sul serio a volte ☺️

Tutto ciò che dirai potrà essere usato contro di te...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...