1604. Epitaffio d’un nocchièro

1604

Nella carne venni per navigar il mondo, non già per nella carne far naufragio; ne per alla deriva vagare in balia dei capricciosi desideri. Con la prora, sulle onde un lungo poema d’amore al mare scrissi, per sempre invisibile agli altri uomini

*     *     *

Annunci

I commenti sono chiusi.