0184. Buon Natale… da protagonisti!

Salon noel

Oggi, convenzionalmente, commemoriamo la nascita di un Uomo che per tutti e trentatré gli anni della sua vita si è adoperato per dare un esempio di ciò che un Essere Umano può fare e diventare. Un Uomo che ha sempre dichiarato di non essere niente di più che un individuo qualsiasi in mezzo ai suoi fratelli e sorelle. Quale grande torto gli è stato fatto vedendo in lui un Dio, e quindi qualcosa di totalmente estraneo alla nostra medesima Umanità!

Non ho un presepe, ma se lo avessi, nella culla stanotte, metterei un pezzetto di specchio

Auguro a tutti voi e a me stesso che quell’Essere Umano nasca e cresca dentro ognuno di noi

*     *     *

Annunci

0183. Fòle

tigre e drago

Una leggenda narra che alla fine del loro lungo e duro apprendistato, gli adepti del monastero cinese di Shaolin-si, per poterlo lasciare, dovevano superare una serie di prove che travalicavano il limite delle comuni capacità umane, attraversando in successione 36 stanze di un sotterraneo che li avrebbe condotti all’uscita. L’ultima di queste prove consisteva nel sollevare con i soli avambracci un braciere acceso, pesante almeno cento chilogrammi, per poi spostarlo percorrendo un certo tragitto. Come risultato il metallo arroventato lasciava impressi sugli avambracci i simboli del monastero incisi a tale scopo sulle anse: una tigre ed un drago.

*     *     *

Ci sono Esseri indistinguibili, ai sensi, da tutti gli altri esseri umani; e che tuttavia travalicano l’Umano. Esseri che emanano una Luce ed un Calore invisibili ma assolutamente, in qualche misterioso modo, percettibili da chi li incrocia sul proprio cammino; una Luce ed un Calore che promanano dal Fuoco che avvampa dolorosamente in Loro. Portano nel petto, per le strade del mondo, il peso inconcepibile del braciere in cui arde quel Sacro Fuoco.
Hanno il marchio della servitù, come i monaci Shaolin
Anche loro hanno impresse nelle carni la Tigre ed il Drago
Ma essi non sono simboli inanimati, sono i Demoni creatori e distruttori ben vivi e presenti, che si affrontano, nella loro eterna tenzone, in quei corpi che hanno scelto come campi di battaglia.
Gli Eletti Sacrificanti, coloro che pagano con la più sofferta delle schiavitù il Sommo Dono della Conoscenza

*     *     *

Matteo 5,13: “Voi siete la luce del mondo, dunque non mettete la lampada sotto il moggio, ma mettetela in alto affinché illumini tutta la casa.”

*     *     *

0176. Dissacrazione dell’erotismo (Facèto 7)

Erotismo!? Ma andate a caghèr....

Fame di te! Osservo il tuo corpo adagiato mollemente su verdi lenzuola. Risalta la tua pelle dorata e lucida, increspata di brividi. Il collo lungo e reclinato non sorregge più alcuna testa; ogni pensiero si è dissolto. La schiena inarcata proietta al cielo il tuo petto nudo. Braccia semiaperte ti crocifiggono a questo letto di passione; ali che non ti porteranno più via da me. Cresce il desiderio mentre mi rapisce l’anima il tuo odore speziato. Ti giro intorno, come uno scalatore alla sua montagna, cercando la via più gloriosa al piacere; studio una strategia pregustandoti con occhi concupiscenti. Non riesco più a contenere l’eccitazione. Ti afferro le ginocchia e ti divarico le cosce bollenti. Ne lecco via con lentezza esasperata il salato alternando piccoli morsi. Poi la mia bocca si riempie delle tue succose morbidezze. Ad occhi chiusi m’inebrio dei tuoi aromatici umori. La mia lingua disfa voluttuosa le fibre delle tue bianche carni. Le mie dita entrano in te; sento il tuo umido calore mentre il tuo intero corpo geme, si sfalda e cede al mio desiderio. Sei veramente… (CONTINUA QUI’)

*     *     *

Non vi lasciate ingannare dalle apparenze, ampliate la vostra visione sulla Realtà:
L’ Eros è in ogni cosa, perchè ogni cosa sussiste solo grazie all’Eros

*     *     *